Più mare, meno greenwash

12.06.2021

sea more, greenwash less

La sera del primo giorno del vertice del G7 Boris Johnson e un pazzo dei combustibili fossili sono stati avvistati mentre davano fuoco a una nave vichinga. La vela recava la scritta "As The Sea Dies We Die" (Il mare muore, noi moriamo), un'affermazione che i due personaggi volevano bruciare.

Senza un mare sano e vivo non c'è un pianeta sano e vivo. Ma i dati dimostrano che, se non ci sarà un cambiamento immediato e radicale per affrontare sia l'acidificazione marina dovuta alla combustione di petrolio e gas, sia l'inquinamento da sostanze chimiche tossiche e plastica, tutta la vita marina basata sui carbonati, compresi plancton, foche, balene, uccelli e pesci, scomparirà per sempre dai nostri mari entro i prossimi 25 anni.

Secondo un rapporto della fondazione GOES, negli ultimi 70 anni abbiamo perso più di 50% di tutta la vita marina a causa dell'inquinamento, eppure questo fatto è stato ampiamente ignorato da chi detiene il potere. Le piante marine producono più di 90% del nostro ossigeno, quindi sono loro, e non la foresta amazzonica, i veri polmoni del nostro pianeta.

La vela dell'Ocean Rebellion è stata bruciata in vista dell'hotel Tregenna Castle, dove alloggiano i delegati al vertice del G7.

Sophie Miller di Ocean Rebellion afferma:
"Uccidendo gli oceani possiamo dire addio a un clima stabile. E senza un clima stabile le nostre società crolleranno. Eppure i governi del G7 ci stanno deludendo. Li invitiamo a darsi una regolata ORA!".

Rob Higgs di Ocean Rebellion aggiunge:
"La barca in fiamme rappresenta la morte dei nostri oceani. I mari stanno morendo. Il governo britannico lo sa, eppure continua con la sua scelta genocida di uccidere il mare per perseguire profitti a breve termine. Ad esempio, il fondo di Boris per il recupero delle risorse naturali investe 97% nelle industrie dei combustibili fossili che acidificano gli oceani e sterminano la vita marina, e solo 3% nelle energie rinnovabili. E questo pur sostenendo di essere rispettosi dell'ambiente. Questa è la definizione di greenwash. Fingere di avere a cuore il mondo naturale, mentre lo si distrugge consapevolmente. Ocean Rebellion chiede al governo britannico di dare priorità a un'azione genuina, rigorosa ed efficace sul clima e sulla natura in occasione del G7, piuttosto che alle continue promesse vuote e alle ciance".

Daisy Pearson di Ocean Rebellion afferma:
"La gente non si rende conto di quanto siamo vicini a punti di ribaltamento irreversibili dell'oceano. Dobbiamo pensare ai mari come a una parte di noi stessi. La nostra salute e la nostra sopravvivenza sono legate alla salute e alla sopravvivenza dell'oceano. Oltre a essere fondamentale per regolare la temperatura della Terra, circa 3 miliardi di persone nel mondo dipendono dai mari come fonte primaria di proteine. Il nostro disprezzo per l'Oceano significa che stanno soffrendo, ora".

Clive Russell di Ocean Rebellion aggiunge:
"Forza capi di Stato, siate all'altezza della situazione e sorprendeteci questa volta. L'Oceano è in uno stato sconvolgente e sta solo peggiorando. Il vostro compito è quello di proteggere il vostro popolo e state fallendo miseramente".

Roc Sandford di Ocean Rebellion afferma:
"I capi di Stato del G7 sono in fase di negazione. Nessuno di loro ha politiche adeguate a salvare le nostre vite. Hanno appena concordato una tassa tecnologica. Ma ora devono fissare un prezzo del carbonio elevato e in forte aumento, con aggiustamenti alle frontiere e una ridistribuzione equa dei proventi a livello globale, sufficiente a far diminuire l'uso dei combustibili fossili a un ritmo di ben oltre 10% all'anno. Gli scienziati e gli economisti sostengono che questo è necessario ORA per evitare un collasso del clima e della biodiversità oceanica".

as the sea dies we die

Argomenti correlati

RICHIESTE DI INFORMAZIONI ALLA STAMPA

CONDIVIDI

facebooktwittere-mail