RESPONSABILI

12.09.2021

WAKASHIO UN ANNO DOPO

Il 12 settembre i manifestanti di Ocean Rebellion hanno proiettato un cortometraggio sull'Organizzazione marittima internazionale (IMO) per sottolineare la tragica fuoriuscita di petrolio avvenuta più di un anno fa al largo delle coste delle Mauritius. Il filmato cataloga gli errori che hanno portato a una delle peggiori emergenze ambientali degli ultimi anni.

Il documento mostra come un super-inquinante, noto come "carburante Frankenstein" e composto da un cocktail di sostanze chimiche tra cui olio combustibile pesante (HFO), avanzi di carburante per l'aviazione, pneumatici per auto e sacchetti di plastica, possa aver portato al disastro della fuoriuscita di petrolio al largo delle coste di Mauritius.

La proiezione del film è iniziata poco dopo le 19.45 negli uffici dell'Organizzazione marittima internazionale delle Nazioni Unite per ricordare che, nonostante l'IMO sia l'organismo che detiene il potere di regolare le emissioni globali del trasporto marittimo e di proteggere i preziosi ambienti marini, continua a mettere gli interessi economici a breve termine e sbagliati davanti all'ambiente. L'OMI è l'agenzia delle Nazioni Unite responsabile della prevenzione dell'inquinamento marittimo, e ha più volte colluso con l'industria marittima per fare esattamente il contrario.

I manifestanti hanno anche spruzzato sul terreno fuori dall'organizzazione le parole di Matthew Sommerville, che ha detto agli isolani che il petrolio distruttivo è "proprio come una crema per la pelle".

A più di un anno di distanza. Né l'Autorità Marittima e Portuale di Singapore, né il governo francese, né la MOL, né la BP hanno fornito i campioni originali di carburante, fondamentali per comprendere l'impatto di questo carburante sperimentale sull'oceano e sulla salute umana.

Come noi, probabilmente anche voi avete qualche richiesta. Che ne dite di questi ....?

Chiediamo che il G20 indaghi sulle cause dell'incaglio e della fuoriuscita di petrolio della Wakashio. Compresa la piena rivelazione di chi sapeva cosa e quando.
Chiediamo piena trasparenza sui carburanti VLSFO e sui relativi guasti ai motori.

Chiediamo un'ambizione climatica vincolante sulle emissioni del trasporto marittimo
E che il G20 sia alla guida di una revisione dell'IMO.

Non è chiedere troppo, vero?

Sophie Miller, portavoce del gruppo, ha dichiarato: "Dopo la disastrosa fuoriuscita di petrolio del Giappone alle Mauritius, la nostra richiesta è semplice: Allontanare le navi dai combustibili fossili, per prevenire ripetute fuoriuscite negligenti di combustibili fossili, proteggere i mezzi di sostentamento delle persone e proteggere il nostro clima dalla disgregazione causata dai combustibili fossili".

E ha aggiunto: "Noi diciamo che non si deve mai più permettere che accadano disastri come quello della Wakashio alle Mauritius. Questa nave di proprietà giapponese e battente bandiera panamense ha riversato circa 1.000 tonnellate di petrolio e ha decimato un intero ecosistema".

E già che c'è, l'IMO potrebbe anche dire la sua su qualunque cosa sia stata spalmata sulle spiagge un tempo incontaminate di Mauritius. Perché i campioni non sono stati resi noti? L'IMO sostiene che si tratta di una crema per la pelle. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) non è d'accordo".

Chiediamo che #SortYourShipOut e #GetShipsOffFossilFuels

Argomenti correlati

RICHIESTE DI INFORMAZIONI ALLA STAMPA

CONDIVIDI

facebooktwittere-mail